exibart.com  

 artcommunity dal 1996 home | onpaper | mobile | bookshop | forum | annunci | newsletter | sondaggi | commenti  
  edizione del 10/12/05 inaugurazioni | eventi in corso | speed-news | contattaci | pubblicità | rss | exisat | alert   
  Convert default language in english   www.artaujourdhui.com (in lingua francese)   www.KunstMarkt.com (in lingua tedesca) attualmente sono in linea 456 utenti di cui 27 registrati


dalle città
HomePage
ancona
bologna
friuli v. g.
genova
milano
napoli
roma
sardegna
sicilia
torino
toscana
trento bolzano
venezia
altrecittà
around

architettura
arteatro
bambini/didattica
biennale2005 new!
decibel
design
exibinterviste giovanearte
exiwebart
fiere
fotografia
in fumo
libri
opera
pre[ss]view
restauri
visualia
.:random:.

personaggi
politica e opinioni
progetti e iniziative

10 F. Bonami
9 C. Christov-Bakargiev
9 A. Bonito Oliva
8 A. Vettese
8 L. Beatrice
7 L. Cherubini
7 G. di Pietrantonio
7 R. Pinto
7 P. L. Tazzi
6 E. De Cecco
classifica >>

15 M. Pistoletto
11 M. Schifano
10 M. Paladino
9 A. Caretto
9 R. Spagna
9 G. Zorio
9 G. de Chirico
9 M. Rotella
8 Andreoni & Fortugno
8 L. Fontana
classifica >>

20 clp
19 studio esseci
9 civita
8 electa
8 ambra nepi
7 studio pesci
6 zetema
6 intesa & c.p.
5 irma bianchi
5 scarlett matassi
classifica >>

27 silvana editoriale
24 skira
10 mazzotta
8 gli ori
8 electa
5 marsilio
3 allemandi
3 fratelli palombi
3 gangemi
3 giunti
classifica >>

exiwebart_project
GWEI - Google Will Eat Itself

Il motore di ricerca più famoso del mondo è destinato ad auto-distruggersi? Questa è l’ipotesi di un sarcastico e virulento progetto web. Come comprare le azioni di Google usando i proventi della sua pubblicità. Autocannibalismi...


mercoledì 7 dicembre 2005
Cosa succederebbe se il gigante Google –il motore di ricerca per eccellenza- cominciasse ad “autodistruggersi” in un impeto di autocannibalismo? E’ l’ipotesi immaginata dal progetto GWEI - Google Will Eat Itself, realizzato da Hans Bernhard (ubermorgen.com), Alessandro Ludovico (neural.it) e Paolo Cirio, già onorato di una menzione all’ultima edizione di Ars Electronica e presente tra le nomination del prossimo festival berlinese Transmediale.
Il progetto è semplice ma ingegnoso: acquistare azioni di Google servendosi di denaro ottenuto sfruttando il meccanismo del Google text advertisment. La principale fonte di reddito di Google è infatti il sistema Adsense, che funziona posizionando nelle pagine web annunci commerciali mirati sui contenuti specifici di ogni sito. Google paga ai webmaster una piccola percentuale per ogni click sugli annunci e viene a sua volta pagato dagli inserzionisti commerciali.
Il progetto GWEI si inserisce in questo meccanismo tentando di eroderlo dalle fondamenta: i promotori hanno creato un Account Adsense per il loro sito GoogleWillEatItSelf.com in modo tale che ogni volta che qualcuno clicca sui loro annunci, riceve un micropagamento da Google. Questi soldi vengono impiegati per acquistare azioni di Google stesso e ridistribuirle alla GTTP-community, formata dagli utenti e dai “clickers”, che mantengono il 97% della proprietà delle azioni (un 3% rimane al Franchise GWEI).
Ma come riuscire ad ottenere un numero di click sufficientemente alto? Uno: attraverso un software che genera un limitato numero di click al giorno, paragonabile a quello di un reale flusso di utenti, onde evitare di essere individuati. Due: attraverso la mobilitazione della GTTP community, informata del progetto tramite i network di riferimento dei due autori (i siti Ubermorgen e Neural). Ogni movimento azionario è documentato da fogli elettronici che riportano il numero preciso di click per ogni giorno e il conseguente guadagno riportato.
Schema di funzionamento di GWEI - Google Will Eat Itself
Anche se la quantità delle azioni acquistate è, per ora, limitata, l’intento resta quello di iniettare un virus sociale (“let’s share their shares”), un parassita che corroda dall’interno il meccanismo commerciale che si cela dietro l’interfaccia utile e amichevole che ormai monopolizza la ricerca di informazioni sulla rete. “Spalanchiamo alla gente la loro miniera d’oro, finché riusciamo a farlo!” è la frase che meglio rappresenta lo spirito del progetto.
Questa operazione culturale è stata resa fisicamente fruibile sotto forma di installazione sia alla Premises Gallery di Johannesburg che alla Neurotitan Gallery di Berlino e approderà in futuro anche al Sydney Museum of Contemporary Art, al New Museum of Contemporary Art di New York e al File Festival di San Paolo del Brasile.

link correlati
www.GoogleWillEatItSelf.com 
www.ubermorgen.com 
www.neural.it
www.paolocirio.info

lucia mariani

[exibart]


°°se ancora non l'hai fatto REGISTRATI ad exibart per continuare a consultarlo gratuitamente°°


è tassativamente obbligatorio riempire tutti i campi per inviare il messaggio

    


Versione stampabile
   



 

Sicilia, la Regione riconosce finalmente la Fiumara d’Arte di Antonio Presti

Macro glamour. Il museo di Roma apparecchia una cena trendy. Ma a Milano...

Catania cool, in mostra dal parrucchiere

Una sizza per il museo di Siza. Il Madre di Napoli punta sulla comunicazione

In nome del gesto. Tre serate di video al Quarter di Firenze

Due video di Carlos Motta per un nuovo spazio di Pistoia

Tornabuoni Arte da Firenze a Venezia. Vernissage con Lucio Fontana

altre news>>


EXIBART.ONPAPER, LA PIU' BELLA TRA LE ULTIME COVER D'ARTISTA?
a. chiesi
a. pinna
bianco-valente
r. gligorov
p. roccasalva
s. galegati

 vota>>

 tutti i sondaggi>>

forum: OPPORTUNITART
Re: [dead 2.II.2006] BLUORG (bari)
wow finalmente qualcosa a bari!...
autore: manuelag
forum: IL FORUM LIBERO !!!
Re: Re: molestie sessuali.
e che cosa è?...
autore: campasul
hen976

ALESSIA
andrea
bruto dario pomodoro
Doriana Gesualdi
medusa.exibart
Mauro
nadia la monica
robert kurt
Silvia Amicucci
Teta Coriglione
di questo mese
dindin
mariapezzica
manuelag
rizlarizza
fatamora
Daniela.Cosoleto
ziqqurat

vedi tutte le classifiche>>



   RRS news
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore responsabile Claudio Arissone, Direttore editoriale Massimiliano Tonelli, Vicedirettore editoriale Valentina Tanni
   Responsabile commerciale Antoine Carlier
   Edita da Emmi srl (P.IVA 05247730483), via Calimaruzza 1, 50123 Firenze.
   Tel +39 0552399766   o   +39 02303126674   o   +39 06452214600
   Fax +39 02700515651   o   +39 06233298524